Synopsis: Ariane et Barbe-Bleue

from Paul Dukas


Arianna si presenta al castello del suo Barbablù-Minotauro animata da pie e coraggiose intenzioni redentrici verso le consorti che l’hanno preceduta, ma i suoi slanci non verranno ricambiati: già Maeterlinck aveva sottotitolato il suo dramma ‘La delivrance inutile’. Quale dono di nozze di Barbablù, l’eroina riceve sei chiavi d’argento e una d’oro, che danno accesso a splendidi gioielli. Con le prime sei apre altrettante porte-scrigno ma si entusiasma solo alla vista di quella che contiene diamanti, affascinata dalla loro solare lucentezza (“O mes clairs diamants!”). Disobbedendo all’ordine di Barbablù, si serve anche della settima e scopre che le sue cinque precedenti spose, delle quali non si aveva più alcuna notizia certa, sono prigioniere nelle segrete del castello. Invano Arianna le conduce all’aria aperta e fa riassaporare loro le gioie della natura in fiore e del sole; nelle parole del compositore, la sesta sposa rappresenta «la giovinezza e la speranza». Sottratte alla prigionia con l’aiuto degli uomini del villaggio, le cinque spose rifiutano la libertà e scelgono di restare nella loro dolente dimora, mentre Arianna si allontana seguita dalla sola nutrice.